Home > On the road > papà

papà

20 Maggio 2017

Lunedì 21 maggio 2007: sono passati dieci anni da quando mi hai lasciato, e sono stati i dieci anni più brutti della mia vita. Ho subito ingiustizie, cattiverie e pugnalate alle spalle, inaudite e scioccanti, ma alla fine ho sempre vinto, pur segnato da lividi e ferite. Certamente dal Paradiso mi hai assistito tu, caro papà, anche se le mie mancanze nei tuoi confronti sono state molte. Non posso che ripetere parole che ho già detto: “Sempre più in colpa, io, per non averti capito, io che ti parlo – oggi – e ti chiedo perdono per i silenzi o le vuote parole, per il tuo amore immenso non capito.”

L’ anno scorso, per il nono anniversario, avevo raccolto sotto il titolo “papà… sempre” le pagine che la mia memoria e i miei sensi di colpa mi hanno dettato per ricordarti. Così scrivevo il 21 maggio del 2016:

Papà: nove anni, oggi. 

Un secolo e una vita.

Oggi voglio ricordarti con queste foto della macchina che costruisti tu, da giovane, e che continuasti ad usare fino all’ultimo.

Questa macchina è una sega a nastro per il legno, disegnata e realizzata da te in ogni singola parte, ad eccezione del motore solamente.

Una macchina che lavorò incessantemente con te, senza mai darti problemi.

Sulla sua banda di protezione avevi collocato due immagini: una, della Madonna Liberatrice dai Flagelli, antica forse quanto la macchina, ed una più recente; entrambe, assieme all’ulivo benedetto che rinnovavi ogni anno alla Domenica delle Palme, fedelmente ti preservarono da incidenti d’uso.

Oggi la tecnologia ha fatto passi enormi e il mondo corre verso l’implementazione dell’inutile, optando per il suicidio dell’umanità.

Tu già nei tuoi anni eri fuori dal tempo, come me, oggi.

Sempre più simili siamo.

Sempre più in colpa, io, per non averti capito.

 

Papà… sempre, ecco le pagine che in questi dieci anni ho pubblicato sulla mia “anto-logia“:

un gigante (26 maggio 2007)

nel legno (28 maggio 2007)

papà (30 maggio 2007)

21 maggio 2007 – 21 maggio 2008 (20 maggio 2008)

Il ciliegio (21 maggio 2008)

profumo di bosco (13 maggio 2009)

Profumo di bosco (21 maggio 2007-21 maggio 2012) (21 maggio 2012)

21 maggio 2007 – 21 maggio 2015: profumo di bosco, ancora (21 maggio 2015)

Categorie:On the road Tag:
  1. anto
    26 Maggio 2017 a 21:41 | #1

    Sì: la migliore eredità che un genitore può lasciare ai figli sono i bei ricordi!

  2. artemisia
    25 Maggio 2017 a 21:25 | #2

    è bello poter avere così bei ricordi del proprio papà!

I commenti sono chiusi.