Archivio

Archivio Agosto 2014

Il parroco non “viene” dalla parrocchia

2 Agosto 2014 2 commenti

 

La storia delle parole che usiamo, anche tutti i giorni, spesso riserva incredibili sorprese. Piero Zannini racconta molte di queste storie nell’agile volume Cos’è la bellezza dell’asino nelle Edizioni Salani. L’autore, ingegnere, si è sempre appassionato allo studio dell’etimologia, branca della linguistica molto importante per comprendere la storia della cultura umana in genere.

Studiare la storia di una parola permette di capire l’interazione tra le varie civiltà. Il libro, dopo una sintetica esposizione dell’origine del nostro alfabeto, ci racconta l’avventura di molte parole, suddivise in capitoli omogenei.

Scopriamo così il legame tra “ammoniaca” e il dio Ammon, tra “desiderare” e le stelle. Scopriamo anche l’esistenza di alcuni falsi legami. Mi ha sempre incuriosito il fatto, ad esempio, che “parroco”, diversamente da “parrocchia”, si scrive con una “c” sola. L’autore me lo spiega: “parroco” deriva dal greco “parochos” (pubblico fornitore), mentre “parrocchia” deriva dal greco “paroikia” (gruppo di case vicine).

Credo che tornerò ancora a parlare di questo libro non tecnico.

Categorie:On the road Tag: