Archivio

Archivio Febbraio 2005

Sezione "amarcord": senza titolo di qualche (?) anno fa

26 Febbraio 2005 2 commenti

E’ pur triste essere figli di un tempo
che ha perduto tutte le sue battaglie,
e che ci lascia allestire
solo schermaglie senza passione
su scene da sempre stabilite.

E’ quest’assenza di vita
oltre la polvere minuta
di giorni che non hanno soluzione,
sono questi confini volutamente
insopportabili e insopprimibili,
è questo, capisci, che vanifica
ogni amore di verità.

Prostituirsi, questo sì, è concesso,
anzi, vivamente consigliato dalla ditta,
e la poesia non è che il battage,
in apparenza meno greve,
di una ennesima truffa
.

Sezione "amarcord": La sfera (1976)

26 Febbraio 2005 Commenti chiusi

“Io so, e non chiedermi come,
(ma una madre è madre se ha il capo
chino in cuore al figlio)
che lui ti vorrebbe accanto”.
Così tu sapresti dire: per te, infatti,
amare è anche seguire
i miei passi oltre i confini stabiliti.
Ma tu ad un punto non ravvedi più
la loro esistenza ineluttabile che ci scruta.
Io, invece,
anche quando siedo sui gradini
e guardo altrove,
colgo i passi di mio padre
che ho preceduto di poco
al raccordo delle nostre evasioni rituali.

“Domani avremo finito”, mi dice
indicando vagamente non so dove.
“Sì” rispondo ”lo credo anch’io”,
e alzandomi sorrido evasivo,
rammentando le parole di un poeta da poco morto:
no, non ci toglierà nessuno
questa meravigliosa parola d’amore,
“sì, papà, lo credo anch’io,

domani”.

ancora l’acqua

26 Febbraio 2005 4 commenti

e se fosse lei, trasparente acqua,
misterico elemento eppure semplice,
a portare notizie utili alla gnosi?
allora perché incalzare l’inchiesta?
a quale scopo arrovellarsi ancora?

perdersi, come nell’umore euforico
idrogeno e ossigeno incauti s’annullano
per essere altro,
forse è la risposta

universa ratio

Categorie:Argomenti vari Tag: ,

Qualche parola di Jakobson

17 Febbraio 2005 Commenti chiusi

“La nostra generazione è entrata in scena straordinariamente presto (…) e non c’è finora un ricambio e neppure un rinforzo parziale. Intanto la voce e l’enfasi si sono troncate, e si è esaurita la scorta concessa di emozioni: di gioia e di afflizione, di sarcasmo e di entusiasmo, ed ecco che la convulsione di una generazione senza ricambio è risultata non un destino privato, ma il volto del nostro tempo, un soffocamento della storia.”

Da Roman Jakobson, Una generazione che ha dissipato i suoi poeti, Einaudi.

Categorie:Senza categoria Tag: , ,

San Valentino (1983)

13 Febbraio 2005 1 commento

La porcellana del vezzo
ti adorna di indaco e rosa:
null’altro ora ti veste, mentre
stringo, per gioco, i tuoi polsi.

La calma bruna degli occhi
esalta il profumo del tuo corpo:
il seno si colma di ebbrezza
e, come corolla alla rugiada,
si schiude lenta la rosa:
accarezzarti senza fine mi piace
e ricoprirti di baci frequenti.

Poi tu, lieve chinando il capo,
socchiudi le ciglia, e mi inviti
con morbidi ricami di voce.

Così vicini siamo, ora,
che i nostri cuori cantano assieme.

Categorie:Argomenti vari Tag:

Il ritorno di Jasminum

3 Febbraio 2005 1 commento

Sei fiorito ovunque ti ho posato, dolce Jasminum.

Per la nostra simpatia ringrazio l’Essere
e per il tuo infante sorriso giallo.

In te colgo le gioie semplici
e
le mille parole taciute
dai cuori in silenzio.

Lascio ad altri il ciarpame scurrile delle cose importanti:
ai potenti e ai loro idioti lacchè.

Categorie:Argomenti vari Tag: ,